La procedura di recupero del credito prevede, di norma, diverse fasi:

  • DIFFIDA STRAGIUDIZIALE
  • PREDISPOSIZIONE DI RICORSI PER INGIUNZIONE E AZIONI GIUDIZIARIE ORDINARIE
  • PROCEDURE CAUTELARI ATTE ALLA TUTELA DEL CREDITO QUALI SEQUESTRI DI BENI DEL DEBITORE
  • ESECUZIONE FORZATA MEDIANTE PIGNORAMENTI MOBILIARI E IMMOBILIARI E PRESSO TERZI
  • ISTANZE DI FALLIMENTO E DI INSINUAZIONE NEL FALLIMENTI

I costi che il creditore può dover anticipare per recuperare il credito al termine della procedura possono essere elevati e vi può essere il rischio che alla fine il creditore non riesca a soddisfare il proprio credito. Per questo è necessario valutare attentamente le concrete possibilità di recupero e decidere passo dopo passo l’opportunità di procedere con l’iter. A tal fine il legislatore nel 2014 ha introdotto nel codice di procedura civile all’art. 492 bis un nuovo strumento a favore del creditore che gli consente una volta ottenuto un titolo esecutivo di chiedere all’anagrafe tributaria dell’Agenzia delle Entrate, tutte le informazioni rilevanti per l’individuazione di cose e crediti da sottoporre ad esecuzione, comprese quelle relative ai rapporti intrattenuti dal debitore con istituti di credito e datori di lavoro e committenti.

Lo Studio assiste i privati e le imprese in tutte le suindicate fasi del recupero dei propri crediti sia nei confronti di soggetti privati che pubblici valutando attentamente con il Cliente le azioni da intraprendere.

 Hai bisogno di maggiori informazioni?